Packaging: useful notes

INTRO

During these years of experience, one of the things I learnt is that packaging is an important element for an online shop, for a simple reason: it shows the product to the buyer. In this post, the first of the new category, I want to talk about it and to give you a list of useful considerations you can use when choosing your packaging solution!

Durante questi anni di esperienza, una delle cose che ho imparato è che il packaging è un elemento importante per uno shop online, per un semplice motivo: presenta il prodotto al cliente. In questo post, il primo della nuova categoria, voglio parlare di questo e fornire una lista di considerazioni utili per scegliere la soluzione per il confezionamento dei propri prodotti.

—————————————————————————————————————————————-

🇬🇧  🇮🇹

ENGLISH

Researching about packaging solutions for both my shops, I found out that there are different ways f thinking how a package should be made. You can use plastic, organza, cotton, linen bags, bigger or smaller; boxes of every shape, color and material, from Kraft paper to satin cardboard with pois, stripes, stars; and the decorations! Handmade, hand-stamped, laser-made; and the ribbons, rafia, flowers…there are infinite ways to think your package!

I’ve seen many many ideas about packaging, and all were really beautiful.

But, when it came to put my choices into practice, it has been really frustrating: sometimes the boxes were really cute but were impossible to put into the envelope without deforming them or without exceeding the weight/measure limits for the post, in other cases I personally wasn’t able to build the box. So I went on and tried paper or cardboard bags, but besides not being able to make them decently, I didn’t like the result since I thought my products fitted better into a box.

In recent times I turned to tissue bags, but I got disappointed since they didn’t look professional (and I would like my shop to look professional, since I try to consider my shops as a second profession, after being a student).

After lots of failures, I decided to clean everything up and restart. And this is the result:

  • for Dionysus Groove products I choose normal plastic bags, to which I add a “thank you” sticker.

    bustina dioniso
    I chose this packaging also basing on my personal experience as a buyer: some of the shops I buy my jewelry from ship in the same plastic bags.
  • For Il Sottobosco I prefer a little more complex and cuter packaging, yet essential: though I think that the product is what matters, I also think that it’s nice to give a more attractive packaging than a plastic bag.

    scatole gruppo
    I decided that straw looks good with there items, it gives them and even more rustic feeling. You can find it in gift items stores. I used this from Christmas gift baskets!
  • As for the shipping envelopes, I use those yellow PluriBall envelopes for both my shops.

busta gialla

The packaging: minimal or sumptuous?

After all my research, I found out that, like about any other thing, there are different opinions about packaging as well. I think I can sum up the whole thing simplifying and reducing all the nuances in two main categories:

  • there are those who prefer a minimal packaging, without any frill. The principle is that the product is important, while it makes no sense to make someone pay for something that is not the item itself.
    • The pro is the reduced cost of packaging for both seller and buyer
    • the con is a less eye-catching packaging (and it can be a problem with some clients who want a nicer package)
  • there are those who use a more complex packaging that catches the buyer, thinking that packaging is part of the sold item
    • the pro is an eye-catching packaging, that can drive the attention of the potential (or returning) buyer and that can make your product pop
    • the con is a higher price for the seller, who has to spend money and time to assemble the packaging, and for the buyer who has to repay money and time spent by the seller.

My personal opinion about packaging: the aurea mediocritas

Besides Horace (aurea mediocritas is the Latin for “golden mediocrity” intending mediocritas as a neutral median condition), I firmly believe that the good stays in the middle: if for Il Sottobosco I chose a more complex package that for Dionysus Groove, I have to say that I thought about reducing time and money expense.

Moreover, a fundamental concept I learnt during my unhappy packaging experience is that the choice depends on the type of items one sells.

If I can think about a simple plastic bag for a piercing, given the reduced dimensions and price, I thought that my other creations needed a more eye-catching packaging. And I need to say that I wanted my more complex items to be more protected, so I thought a small plastic bag wouldn’t have done the job.

Useful notes about packaging typologies

I thought I could create a list about the considerations I followed during my process of choice, dividing the solutions in categories:

SUPER MINIMAL: small plastic bags

  • PROS
    • very cheap
    • very small, space-saving
  • CONS
    • not really customizable, I usually add a “thank you” sticker but you can’t add much
    • it’s not particularly cute or stylish
    • if the buyer wants a cuter or more original packaging, I think that it’s pretty hard to make a plastic bag more interesting.

MINIMAL: Kraft paper boxes

  • PROS
    • nicer than super minimal packaging, you can choose from thousands of ideas and shapes
    • you can reduce the costs by making them yourself (I am a real disaster with origami et similia, so I buy the boxes with folding lines so that I just have to glue everything)
    • there are so many measures and weights (more or less resistant) so you can get more models for different products
    • they are customizable (add stickers, ribbons, threads, raffia ribbon a.s.o.)
    • they offer a better protection
  • CONS
    • if your packaging funds are not many (like in my case), buying the boxes can be a problem because the websites are – generally – wholesale shops: this means that you have to buy a minimum quantity (and numbers can be really out of range for a personal business) and the minimum purchase to get free shipping is often pretty high, since the shipping is usually expensive
    • when purchasing at a shop, there may not be the right measure for our products, so this can be a problem

SUPER GALACTIC: satin cardboard boxes with ribbons, stickers, prints, hand purse-shaped, pyramid-shaped

  • PROS
    • come on, let’s say that some really eye-catching packages really make you want to buy that thing
    • they are effective, especially when someone is looking for a gift and sees a ready-to-go item with the nicest box ever
    • like minimal case, a super galactic package is highly customizable and there are lots of shapes and decorations
    • it shares the same pros as minimal case
  • CONS
    • shares the same cons as minimal case
    • this kind of packaging can be very expensive and time-consuming
    • if it get exaggerated the package could be overwhelming, getting too much attention (take a look at Etsy forums to see how some buyers can get upset to see that sometimes the package is more accurate than the item itself)
    • some models (like the pyramid, which I love but don’t use) are cumbersome and can deform easily when inserted into the envelope, and who knows how everything gets handled during the shipment.

How I solved the packaging problem:

  • choosing the minimal for Il Sottobosco, and super minimal for Dionysus Groove
  • looking for a medium size that could fit more products, temporally excluding some others for which I will buy boxes in a second moment. In my case I chose 5×5 cm boxes
  • buying on Etsy: well I analyzed Amazon, wholesales, shops near home but with no results. I tried to search on Easy and I found a shop that, other than cool bijoux, sells boxes and packaging supplies. More birds with one stone: I found a solution, I got some really beautiful boxes, I will showcase my shop leaving a feedback
  • buying few decorations: I bought sone rustic twine and Kraft paper tags that I customized with my logo (there will be posts both about the creation of the logo and about the customization of the packaging), after analyzing the price and re-using possibilities carefully, just in case I didn’t like them.

I firmly believe that this topic is really personal, but I also think that such a list can be useful for those who are in a situation like mine. So, SHARE IT!

I want to ask a question: since the struggle to perfection is a never-ending story, has anyone any more suggestions? Did I forget to list anything?

————————————————————————————————————————————

🇮🇹  🇬🇧

 

ITALIANO

Cercando e ricercando soluzioni da adottare per i miei due negozi, ho scoperto che esistono tanti modi di concepire le confezioni. Si possono usare sacchetti di plastica, organza, cotone, lino, più o meno grandi; poi scatole scatolette scatoline di ogni forma, colore e materiale, dalla carta kraft al cartoncino satinato a quello con i pois, le righe, le stelline; le decorazioni e i disegni, fatti a mano, a stampo, con il laser, con il collage; il nastrino di storia, di raffia, con il fiorellino, con il rametto…e chi più ne ha più ne metta!

Ho visto davvero tante idee per le confezioni dei miei prodotti, tutte bellissime.

Ma quando è arrivato il momento di mettere in pratica le mie scelte, è stato frustrante: a volte le scatole erano davvero molto carine ma erano impossibili da inserire in una busta senza deformarle o senza far superare alla busta la misura limite, in altri casi non ero proprio capace di costruire le scatole. Allora passavo alla preparazione dei sacchetti di carta o cartoncino, ma oltre a non essere capace di fare neanche quelli, non mi piaceva il risultato finale perché secondo me i miei prodotti stavano meglio in una scatolina.

In tempi recenti ho optato per le buste di stoffa, ma non sono rimasta per nulla soddisfatta in quanto non mi sembravano affatto professionali (e vorrei che il mio negozio desse questa impressione, visto che cerco di considerare l’artigianato come mia seconda professione, dopo quella di studentessa).

Dopo diversi tentativi, quindi, ho deciso di fare piazza pulita delle mie idee e ripartire da zero. Questo è il risultato:

  • per i prodotti di Dionysus Groove ho scelto normali bustine di plastica, alle quali aggiungo un adesivo con scritto “thank you”.

    bustina dioniso
    Ho scelto questo tipo di confezione anche basandomi sulla mia esperienza di acquirente: alcuni dei negozi dove acquisto abitualmente bijoux per me stessa spediscono proprio in bustine di plastica i propri prodotti.
  • per Il Sottobosco ho preferito un packaging più carino ma comunque essenziale: se secondo me è il prodotto la vera cosa che conta, è anche interessante la possibilità di consegnare una confezione più accattivante di una semplice bustina di nylon.

    scatole gruppo.jpg
    Ho deciso che per questi articoli si addice la paglia, mi sembra che dia un tocco ancora più rustico. Si trova nei negozi di articoli per regali, questa l’ho riciclata dai cesti-regalo di Natale!
  • per quanto riguarda la busta esterna invece, per entrambi i negozi utilizzo le buste gialle con PluriBall interno.busta gialla.jpg

Il pacchetto: minimale o sontuoso?

In tutto il mio cercare ho anche scoperto che, come per ogni cosa, ci sono diverse scuole di pensiero. Credo di poter riassumere la questione semplificando e riducendo tutte le diverse sfumature in due categorie:

  • c’è chi preferisce una confezione minimalista, senza tanti fronzoli. Il principio è che è il prodotto ad essere importante, mentre non ha senso far pagare per qualcosa che non sia il prodotto stesso.
    • L’aspetto positivo di questa scelta per il venditore è un dispendio minore nel totale prodotto+pacchetto
    • l’aspetto negativo è che si hanno confezioni meno accattivanti
  • c’è invece chi utilizza una confezione più elaborata, che faccia colpo sull’acquirente, ritenendo la confezione parte integrante del prodotto
    • l’aspetto positivo: il venditore ottiene una confezione più accattivante, che può attirare l’attenzione del potenziale acquirente (o di quello già fidelizzato)
    • l’aspetto negativo: una confezione con tanti fronzoli richiede un dispendio maggiore sia di tempo che denaro, fatto che può riflettersi nell’aumento del prezzo del prodotto, causando uno svantaggio sia per il venditore che per l’acquirente.

La mia idea personale sul packaging: l’aurea mediocritas

Orazio a parte, credo che la via di mezzo sia effettivamente la cosa migliore: se per Il Sottobosco ho scelto una confezione un po’ più complessa che per Dionysus Groove, è pure sempre vero che non ho cercato di pensarla in modo tale che non sia particolarmente dispendiosa né dal punto di vista economico né di tempo.

Inoltre, un concetto fondamentale che ho imparato dalla mia sventurata esperienza con le confezioni, è che è molto importante la tipologia di prodotto che si vende.

Se per i piercing posso anche pensare di usare un sacchetto di nylon dato lo scarso ingombro e il ridotto prezzo di acquisto, per le altre creazioni ho creduto di avere necessità di una confezione più accattivante. Oltretutto, non nascondo che ho voluto che le mie creazioni più complesse fossero maggiormente protette, e una bustina di nylon non avrebbe fatto al caso.

Considerazioni sulle tipologie di confezione

Ho pensato di accogliere in un elenco le considerazioni che ho seguito per la mia scelta, dividendo le confezioni per tipologie:

SUPER MINIMAL: tipo bustina di nylon trasparente

  • POSITIVO
    • costo ridottissimo
    • ingombro ridottissimo
  • NEGATIVO
    • poco personalizzabile, ci si può mettere un’etichetta e un fiocchetto al massimo
    • non particolarmente carino o ricercato
    • se il cliente desidera un pacchetto più ricercato è difficile a mio parere rendere un sacchetto di nylon più accattivante

MINIMAL: tipo scatolina di cartoncino

  • POSITIVO
    • più carina del packaging super minimal, si possono scegliere un’infinità di modelli
    • si possono abbattere i costi costruendole autonomamente (io sono una vera incapace con origami et similia, quindi le acquisto già con le pieghe in modo da doverle solo incollare)
    • ne esistono di tantissime misure e grammature (quindi più o meno resistenti) quindi si possono avere più modelli in base ai propri prodotti
    • sono molto personalizzabili (adesivi, fiocchi e fiocchetti, nastri di stoffa o di raffia)
    • offrono una maggiore protezione rispetto ai sacchetti di nylon
  • NEGATIVO
    • se i fondi impiegabili per il packaging sono pochi (come nel mio caso), l’acquisto delle scatole può essere un problema perché i siti che le commercializzano sono – in genere – grossisti: questo significa che bisogna acquistarne un numero minimo (e a volte sono numeri decisamente fuori portata per un piccolo artigiano) e spesso le soglie per la spedizione gratis sono molto alte, essendo la spedizione piuttosto costosa
    • se acquistiamo da un negozio, a volte non ci sono le misure precise che vorremmo e anche questo può essere un problema.

MEGA GALATTICO: tipo scatolina satinata con fiocchetti, adesivi o stampata, a forma di borsetta, di triangolo

  • POSITIVO
    • poco da dire, alcune confezioni elaboratissime fanno venire davvero voglia di acquistare il prodotto
    • sono efficaci nell’attirare l’attenzione del cliente che deve fare un regalo
    • come nel caso minimal, sono personalizzabili e si può scegliere fra molti modelli e decorazioni
    • valgono gli altri pregi del caso minimal
  • NEGATIVO
    • valgono gli stessi difetti del caso minimal
    • possono essere davvero molto dispendiose sia dal punto di vista economico che di perdita di tempo
    • se si esagera c’è il rischio che la confezione prenda il sopravvento sul prodotto, attirando troppo l’attenzione su di sé (basta guardare il forum di Etsy per capire che alcuni clienti possono essere davvero seccati se vedono che la confezione è più accurata del prodotto)
    • alcuni modelli (come ad esempio la piramide, che non mi sento di usare ma che trovo estremamente graziosa) sono ingombranti e rischiano davvero di deformarsi non appena si imbustano, chissà come possono ridursi durante il trasporto.

Come ho risolto il problema packaging:

  • optando, nel caso Il Sottobosco, per la tipologia minimal e super minimal per Dionysus Groove
  • cercando una misura media per le scatoline che andasse bene per diversi articoli, escludendo per il momento alcuni prodotti per i quali acquisterò le confezioni più avanti. Nel mio caso ho scelto delle scatolette 5×5 cm
  • acquistando su Etsy: incredibile ma vero, ho setacciato Amazon, i grossisti, negozi anche vicino casa ma senza risultati. Ho avuto quindi l’idea di cercare su Etsy ed effettivamente ho trovato un negozietto che, oltre a bijoux di bellissima fattura, vende anche scatole e buste per l’imballaggio. Più piccioni con una fava: ho trovato una soluzione, ho delle scatoline meravigliose, metto in mostra il mio negozio lasciando una recensione
  • acquistando poche decorazioni: ho acquistato su Amazon dello spago rustico e delle etichette in cartoncino kraft che ho personalizzato con il mio logo (ci saranno dei post relativi sia alla creazione del logo che alla personalizzazione del packaging), dopo aver attentamente vagliato prezzi e possibilità di riutilizzo nel caso non mi piacessero.

Fermo restando che il pensiero riguardo le confezioni è assolutamente soggettivo, credo che questa lista di considerazioni e di esperienze e la mia soluzione possa tornare utile anche ad altri che si trovino nella mia stessa situazione. QUINDI, CONDIVIDI!

E qui mi sorge spontanea una domanda: siccome la ricerca della perfezione è senza fine, qualcuno ha qualche suggerimento? Ho dimenticato qualcosa nella mia lista?

Pay me a coffee!

I love running this blog, but it requires time and coffee. And I am a student, so caffeine is really never enough! With 0,50€ you can pay me a coffee pod for my coffee machine and you will ALWAYS have my gratitude!

€0,50

Un commento su “Packaging: useful notes

  1. Pingback: New category: Improve your e-shop

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: